Inverno - Area sciistica Plan de Corones Indietro

Coppa del Mondo di Sci 2018



La pista „ERTA“, un nome che è tutto un programma

Teatro dell'evento sarà la pista “ERTA”, una delle „Black Five“ di Plan de Corones, che da Piz de Plaies scende direttamente a San Vigilio di Marebbe, paesino ladino in Val Badia e che ha la elevata pendenza come caratteristica principale, cosa che le è valso il nome “ERTA” appunto. Su questa pista si allenano da anni anche i fratelli Mölgg, Manuela e Manfred, Marebbani doc e protagonisti di Coppa del Mondo da oramai molti anni, nonché testimonials di Plan de Corones.

In quanto a dati tecnici, la “ERTA” non ha nulla da invidiare ad altre piste analoghe, con la partenza a quota 1.605 m in località Piz de Plaies, servita dalla omonima cabinovia ad agganciamento automatico. Il traguardo è situato a quota 1.200 m in corrispondenza con la pista Pedagà, aperta al pubblico, per un dislivello totale di 405 m ed uno sviluppo di 1.325 m. Fanno impressione i numeri relativi alla pendenza, con un 32% di media, 22% di minima e 61% di pendenza massima in corrispondenza del muro chiamato „Gran Para“ nella parte centrale della pista. Sulla „ERTA“ realizzata nel 2003 per volontà di Erich Kastlunger, pioniere del turismo invernale a Plan de Corones, sono state disputate alcune edizioni della Coppa Europa maschile, sia in GS che in SL, che hanno visto come vincitori tra gli altri Marcel Hirscher (AUT), Marcus Sandell (FIN), Alexander Ploner (ITA), Florian Eisath (ITA), Kalle Palander (FIN).

 

Plan de Corones: da „Mecca“ dello sci al grande circo bianco

Non è certo da oggi che l'area sciistica di Plan de Corones, che fa anche parte del comprensorio Dolomiti Superski, si colloca tra le realtà più importanti in Italia come destinazione per la vacanza sciistica. La „montagna sciistica nr. 1 in Alto Adige“ vanta 116 km di piste su tre versanti del famoso „panettone“ verso Brunico (15.000 abitanti), Valdaora (3.000 abitanti) e San Vigilio di Marebbe (3.000 abitanti), con 32 modernissimi impianti di risalita, per la maggior parte cabinovie. Punta di diamante è il collegamento diretto tra la ferrovia della Val Pusteria e la cabinovia „Ried“ a Perca, che permette l'accesso alla zona sciistica senza l'uso della macchina. A gennaio, la zona sciistica di Plan de Corones è frequentata da 12.000-15.000 sciatori al giorno, con punte di 25.000 unità al giorno in altissima stagione e il pubblico è internazionale a livello mondiale. È uno degli obiettivi del Comitato Organizzatore portare un gran numero di sciatori a vedere la gara di Coppa del Mondo sulla „ERTA“, proponendo skipass settimanali con grafica dedicata e che danno accesso prioritario alle tribune in zona arrivo. Inoltre, ci si aspetta la nutrita presenza di spettatori locali, tradizionalmente grandi appassionati di sci. In cima al Plan de Corones, a quota 2.275 m si trova il nuovissimo Messner Mountain Museum MMM, struttura ultramoderna realizzata dall'archistar Zaha Hadid, scomparsa di recente e gestito come museo della storia dell'alpinismo classico da Reinhold Messner, il „Re degli Ottomila“. Accanto al museo MMM sorge anche la „Concordia 2000“, enorme campana della pace di ben 16 tonnellate, realizzata in occasione del „Millennio“ nel 2002 quale simbolo di fratellanza e di collaborazione tra le culture che si concretizza appunto a Plan de Corones, dove vivono in armonia popolazioni di lingua ladina, tedesca e italiana.

 

© Skirama Kronplatz
© Skirama Kronplatz
© Skirama Kronplatz
Ski World Cup Kronplatz 2017
© Skirama Kronplatz
Contatto: PR
Michael Pacher Str. 11 A
39031 Bruneck-Brunico
Telefono: +39 0474 551 500
E-Mail: info@kronplatzevents.com
Website: www.kronplatz.com/skiweltcup

PDF Download
Scroll to top